Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Telefono +39 030 7090600
Close
Alessio Merigo

Il villaggio della gente che sorride

LA TRILOGIA DI HARVEY DUKE • 1

15.00

Categoria:
Collana: Narrativa nr. 30
Prefazione: Paola Bonfadini
Formato: 145x210x17 mm - pp. 248 - copertina con alette plastificazione opaca
Edizione: 2012
ISBN: 978-88-8486-508-3
Product ID: 2716

Descrizione

«… Quando l’uragano coglie una pianta debole, solitaria e con le radici poco profonde, solitamente la sradica e ne provoca la morte. Ma se ad opporsi è una foresta di alberi robusti e ben piantati, allora è l’uragano a soccombere e a dividersi in due per superare l’ostacolo e proseguire indebolito la sua corsa…»

“Nessuno può contemplare la propria immagine
specchiandosi nell’acqua che scorre;
è nell’acqua a riposo
che si può riuscire a scrutare se stessi.”
(Pensiero taoista)

L’oscurità viene all’improvviso. Sei nel baratro e non ne conosci il motivo. Paralisi del cuore e dell’animo. Che fare? Bisogna reagire, reagire, reagire.
E con amaro coraggio intraprendi un lungo cammino per uscire dalla selva oscura, che la diritta via era smarrita. L’esperienza della disperazione ti costringe a guardare nei meandri della coscienza. Lo scopo? L’equilibrio di cuore e di mente, ritrovando il rispetto per te, e, quindi, per gli altri e per la vita che ti circonda. Il cammino dall’abisso alla luce è tortuoso, strano, complesso, ma il percorso è fondamentale per ottenere la tanto sospirata autenticità, plasmata sull’armonia e sulla consapevolezza.
Il libro descrive la vita travagliata di Harvey Duke, manager di successo del mondo della finanza newyorkese. Harvey, dopo una brillante carriera nei ranghi di una delle più quotate società finanziarie della Grande Mela, scopre improvvisamente di odiare tutto ciò che lo circonda e che gli provoca veri e propri stati di grande sofferenza. Il lettore viene condotto con attenzione in lande non sempre note, come la Cina di Hong Kong, Shanghai e del villaggio di Song, seguendo il processo di maturazione emotiva ed esistenziale del protagonista. Harvey ha quasi in comune con il Dante della “Divina Commedia” o il Siddharta di Hermann Hesse dubbi, paure e speranze, ma anche una tensione verso un ideale ineludibilmente percepito e desiderato. Nel suo percorso incontra diversi Virgilio che guidano Harvey-Dante fuori dai gironi dell’Inferno che è in lui. In particolare, l’amore per l’intelligente ragazza cinese, accanto alla filosofia taoista e alla disciplina del Tai Ji Quan, modellano l’individuo. La chiave interpretativa della possibile rinascita, la fornisce un anonimo sacerdote, Bill Hendrix, che vive nel Bronx: tornare alla semplicità! Riscoprire il valore dei rapporti umani, ricercare nella meditazione la propria essenza e aprire la mente verso un progetto di Vita (con la V maiuscola) libero dai condizionamenti imposti dalla società occidentale ipercompetitiva.
Molte saranno le persone che incroceranno il suo cammino in questa meravigliosa avventura e molteplici le opportunità di ritrovare i suoi valori più alti. Harvey non sfuggirà al suo destino e vivrà questa seconda fase della propria esistenza con totale intensità.