Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Telefono +39 030 7090600
Close
A cura di: Museo Diocesano di Brescia - Museo Nazionale della Fotografia Cinefotoclub Brescia

Mostra fotografica di MAX LAUDADIO

Quattr’occhi sul mondo – MUSEUM

10.00

Categoria:
Formato: 165x240x5 mm - pp. 48 - illustrato colori - copertina con alette lunghe plastificazione opaca
Edizione: 2015
ISBN: 978-88-8486-669-1
Product ID: 3063

Descrizione

La fotografia è un sistema di editing visivo. Si tratta, in fondo, di cingere con una cornice una porzione del nostro campo visivo mentre ci troviamo nel luogo giusto al momento giusto. Come gli scacchi o la scrittura è una questione di scelta tra una serie di possibilità solo che, nel caso della fotografia, il loro numero non è finito ma infinito.

John Szarkowski

Max Laudadio per l’Italia è il volto familiare di Striscia la Notizia. Visto dal vivo, sul suo inconfondibile sorriso sembra aleggiare in sovraimpressione il logo di Canale 5; eppure basta ascoltarlo mentre descrive le sue opere che da quel momento è, e sarà, un fotografo che lavora anche in televisione.
Le sue fotografie sono degli istanti che indagano la realtà fenomenica, la osservano, analizzano e la ripropongono allo spettatore con una realtà palesata nel suo significante.
L’obbiettivo, incorniciato dagli occhiali, rende lo spettatore partecipe e immedesimato nel ruolo del fotografo, guida il suo sguardo su soggetti e paesaggi dai colori saturi, quasi a suggerire che vi è un’altra realtà più viva di quella manifesta.
Speculare a questo iter di studio, ci sono le opere in cui i paesaggi sono specchiati negli occhiali delle persone ritratte. Con un divertente rimando di riflessioni il visitatore osserva il protagonista dello scatto e ciò che sta osservando, passando da un punto di vista oggettivo a uno reso soggettivato, attraverso il riflesso sulle lenti. L’essenza di Max Laudadio è quella di un osservatore: indaga ciò che lo circonda sviscerando particolari e significati che resterebbero inosservati per mostrarli agli altri.
Ecco perché, oltre che un ottimo fotografo, è anche un ottimo reporter.