Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Free Call +39 030 7090600
A cura di: Luca Missoni e Sara Pallavicini

Marc CHAGALL • Ottavio MISSONI

SOGNO e COLORE

30.00

Esaurito

Categoria:
Testi: Guido Ballo - Gillo Dorfles - Luca Missoni - Isa Vercelloni
Prefazione: Cristina Cappellini
Introduzione: Marco Colombo
Premessa: Silvia Fantino - Mauro Squarzanti
Formato: 210x280x13 mm - pp. 192 - illustrato colori - copertina con alette lunghe plastificazione opaca
Edizione: 2016
ISBN: 978-88-8486-720-9
Product ID: 3157

Descrizione

Questo è il catalogo della mostra “Marc Chagall – Ottavio Missoni, sogno e colore” allestita negli spazi del Museo Civico Archeologico di Sesto Calende, all’interno del Palazzo Comunale. È sicuramente una proposta prestigiosa ed originale mettere a fianco opere di un grande maestro della pittura del Novecento come Marc Chagall e disegni/arazzi del grande stilista Ottavio Missoni.
Quanto alla loro produzione, balza subito agli occhi l’importanza fondamentale del colore: colore come linguaggio, come codice universale che parla direttamente all’anima; colore come veicolo per costruire mondi, per dar corpo ai sogni, per trasmettere emozioni.
In loro il colore rappresenta una vera e propria esperienza emotiva capace di creare un connubio tra creatore e spettatore. Un legame, quello tra artista e spettatore, che è importante per entrambi e che porta lo spettatore a tuffarsi nelle loro opere e a costruire un ponte ideale con i loro sentimenti, che esaltano la gioia di vivere e il tema della rinascita.
Chagall e Missoni sono accomunati anche dalla loro innegabile capacità di elaborare e di affinare uno stile personale, caratteristico e inconfondibile.

«Nelle nostre vite c’è un solo colore che dona senso all’arte e alla vita stessa. Il colore dell’amore».
Marc Chagall

«Il colore è parte integrante del mio Dna. Dalla Dalmazia e da Ragusa ho portato con me i blu, che profumano d’oltremare, e i rossi aranciati dei tramonti sull’Adriatico; i gialli caldi screziati d’ocra e marrone parlano di rocce e sabbie, lambite, rimescolate ed erose dalle onde. Non possono mancare i neri, che amalgamano. E poi il viola, mio colore prediletto, in tutte le sue sfumature. Se si guarda bene c’è sempre, anche se non compare a prima vista».
Ottavio Missoni