Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Free Call +39 030 7090600
AA.VV.
A cura di: Mauro Corradini

IL GARDA – Segni del Sacro

60.00

Categorie: ,
Prefazione: Pino Mongiello
Introduzione: Mauro Corradini
Formato: 220x306x30 mm - pp. 312 - illustrato colori - copertina rigida cartonata + sovracoperta con alette lunghe plastificazione opaca
Edizione: 2004
ISBN: 88-8486-148-9
Product ID: 1952

Descrizione

Il Sacro è una categoria apparentemente demodé. Era più consueta nel passato allorquando i suoi segni davano senso al quotidiano, a una vita condotta sui ritmi di un calendario che faceva i conti con la terra e con le stagioni, e l’avvicendarsi delle costellazioni e dei cicli lunari si coniugava con la ritualità religiosa.
Eppure, anche oggi, quando quasi tutto ci appare svelato e razionalmente sistemato, vaste zona d’ombra persistono nello scenario dei rapporti “umano-divino” così che ancora ci si interroga e si cercano risposte alle istanze fondamentali dell’esistenza.
Come spesso succede nella vita di ognuno di noi, fatta di slanci sinceri e di opportunistici compromessi, la Storia si incarica di mostrarci gli innumerevoli intrecci che hanno segnato gli individui e le società, la politica e la religione, ed hanno contraddistinto le vicende di comunità e istituzioni, governate ora separatamente, ora congiuntamente dai poteri contingenti laici ed ecclesiastici, dove l’assoluto e il relativo si contendono dialetticamente la rispettiva affermazione.
È in questi contesti che il sacro prende forma, come segno di un’esigenza “intima” e come proiezione di un principio ritenuto universale, che rappresenti in qualche modo la sfera del mistero ma anche l’affermarsi di uno stato socio-culturale ben determinato.
Oggi, se percorriamo le terre del Garda, nonostante la geografia turistica abbia modificato i luoghi in maniera incisiva e diffusa, i segni del sacro ci appaiono, se non carichi di senso, carichi di storia, e proprio per questo chiedono di essere meglio decifrati e compresi oltre la semplice ammirazione.
Questo volume, dunque, che la Comunità del Garda e l’Ateneo di Salò hanno voluto realizzare destinandolo soprattutto a chi vive in territorio benacense, intende offrire itinerari di lettura che, al tempo stesso, invitino a riscoprire intorno al lago non solo i paesaggi naturali ma anche quei segni che, essendo appunto del sacro, a quei paesaggi aggiungono la cifra mediattiva del mistero, da sempre correlato alla vita quotidiana degli uomini.