Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Telefono +39 030 7090600
Close
Francesco Arata
A cura di: Gian Maria Arata - Elga Arata - Vittorio Adenti

ARATA – I DISEGNI

20.00

Categoria:
Collana: Catalogo della mostra
Testi: Traduzione: Adriana Consolati
Contributi: Consulenza scientifica: Ilaria Fiori
Formato: 300x210x11 mm - pp. 132 - illustrato colori - copertina con alette lunghe su cartoncino Modigliani
Edizione: 2020
ISBN: 978-88-8486-819-0
Product ID: 3911

Descrizione

Disegnare equivale a conoscere, vedere e far vedere la realtà: significa rendere visibili il mondo e le cose, luci e ombre del vero, gli uomini e i loro gesti, i volti e le maschere.
Per Francesco Arata il disegno è una storia a parte e dopo una ventina di mostre postume che hanno ufficializzato la sua pittura, felicissima l’idea del figlio Gian Maria di rendere pubblica una nascosta, se non gelosa, dedizione del padre al particolare linguaggio visivo che è la produzione grafica.
Pur essendo la tappa iniziale dell’attività di ogni artista, il disegno in Arata non è quasi mai un esercizio propedeutico all’opera pittorica, ma un lavoro a sé stante di volta in volta ripetuto e compiuto su oggetti o soggetti visti con la mente prima che realizzati dalla mano, pensieri visivi al filtro di sentimenti e sensazioni, desideri e passioni, in cerca di una definitiva consistenza figurale.
Penna o pastello, matita, carboncino o gessetto, per altro usati su improbabili supporti cartacei, l’autore li ripete ma non li corregge, essendo la sua una fedeltà alla prova grafica come bisogno naturale, inconscia restituzione delle cose viste alla segreta verità dell’idea.