Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Free Call +39 030 7090600
A cura di: Giovanni Quaresmini

Ambiente e dignità dell’uomo

L’educazione ambientale nella scuola bresciana

15.00

Categorie: ,
Collana: L'educazione ambientale nella scuola bresciana
Prefazione: Giusepe Colosio
Introduzione: Maria Rosa Raimondi
Premessa: Giovanni Quaresmini - Piero Maffeis - Pierluigi Malavasi - Aristide Peli - Paola Vilardi
Formato: 215x215x15 mm - pp. 180 - illustrato colori - copertina semirigida
Edizione: 2010
ISBN: 978-88-8486-419-2
Product ID: 2539

Descrizione

L’annuale convegno provinciale dedicato all’educazione ambientale, giunto alla XIII^ edizione, è anzitutto una concreta testimonianza della continuità dell’impegno delle scuole bresciane per questa tematica, affrontata ormai da tempo con successivi approfondimenti, grazie all’intelligente e operosa attività della Commissione provinciale per l’educazione ambientale, sapientemente e generosamente coordinata dal referente prof. Giovanni Quaresmini.
Il tema scelto quest’anno – “Ambiente e dignità dell’uomo” – ha il pregio di affrontare una riflessione che supera gli approcci di maniera ripetuti da certo ecologismo di moda, uscendo da stereotipi superficiali per affrontare un nodo cruciale e ineludibile della problematica, il rapporto di interdipendenza tra ambiente e vita dell’uomo, con attenzione specifica ai temi etici.
Le tematiche ambientali toccano molto concretamente aspetti importanti della vita quotidiana di ciascun uomo, nella dimensione personale o sociale.
Questo rapporto inscindibile richiede tuttavia una ricerca di equilibrio che eviti radicalizzazioni unilateriali.
La natura non può essere assolutizzata e diventare un idolo intoccabile a scapito della centralità dell’essere umano, ma l’uomo non può esercitare un incontrastato dominio, manipolando ed abusando della natura, se non con il rischio molto concreto di giungere alla catastrofe.
Esigenze di progresso e sviluppo, scienza, tecnica, cultura, interventi, azioni devono potersi armonizzare con la consapevolezza della finitezza del creato, la necessità del rispetto di un ordine e di un equilibrio naturali, con il senso di responsabilità da esercitare nell’oggi ma anche nella prospettiva delle generazioni future.
La ricerca di soluzioni efficaci per tutelare l’ambiente non può prescindere dalla considerazione che le scelte di vita sono sempre connesse all’idea di uomo ed al concetto di società e di sviluppo che vi sono sottesi. Non c’è infatti nulla di tecnico che sia solo tale; qualunque scelta, a livelli diversi di consapevolezza, risponde sempre ad un pensiero, a criteri di natura etica.