Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Free Call +39 030 7090600
AA.VV.
A cura di: Carlo Sabatti

Valtrompia nell’ARTE – Vol. 1°

TESTI di: Sandro Guerrini – Enrico Maria Guzzo – Michela Valotti – Angelo Loda – Carlo Sabatti – Francesco De Leonardis – Renata Massa – Guido Galli //

50.00

Esaurito

Categorie: ,
Collana: VALTROMPIA - 1
Presentazione: Dario Piotti
Prefazione: Alberto Cavalli - Giovanni Bernardi
Introduzione: Antonio Fappani
Premessa: Paolo Pagani e Fabio Ferraglio
Formato: 218x305x30 mm - pp 408 - illustrato colori - copertina rigida cartonata + sovracoperta plastificazione lucida
Edizione: 2006
ISBN: ISBN 10: 88-8486-226-4 ; ISBN 13: 978-88-8486-226-6
Product ID: 2168

Descrizione

Dopo il noto Itinerario tracciato da Panazza, le mostre dedicate alla pittura in Val Trompia nei secoli XVI-XVII-XVIII, e le indagini dell’ultimo decennio – che hanno visto nascere monumentali monografie dedicate alla storia ed al patrimonio artistico dei diversi comuni della valle, da Collio a Caino – il panorama della ricerca locale si arricchisce con La Valtrompia nell’arte, primo volume di una poderosa serie che si occupa con rigore e passione dell’articolato patrimonio storico-culturale ed economico della Val Trompia.
Il volume, curato dal prof. Carlo Sabatti, con un excursus che va dal periodo romano fino ai nostri giorni, tratta in modo completo ed esaustivo i temi cruciali e le sfumature della storia dell’arte nelle valli del Mella, del Gobbia e del Garza, prendendo in esame rispettivamente l’architettura, la scultura, la pittura, ma anche aspetti spesso trascurati come quello degli arredi sacri e degli organi storici.
La monumentale impresa, nata dalla collaborazione di vari autori, si avvale di testimonianze e documenti inediti reperiti specificamente negli archivi bresciani, rappresentando perciò un punto di riferimento essenziale oggi per chi intenda studiare o anche solo approfondire alcuni aspetti del territorio triumplino.
La Valtrompia nell’arte inoltre, dimostrando un’attenzione particolare alla nostra memoria storica, contribuisce significativamente alla sempre più compiuta definizione identitaria di una comunità, dimostrandosi, oltre che arricchimento della conoscenza, strumento di crescita comune.