Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Free Call +39 030 7090600
AA.VV.

i Quaderni della Fondazione UGO DA COMO • Lonato del Garda (Nr. 13)

10.00

Categorie: ,
Collana: I Quaderni della Fondazione Ugo Da Como - nr. 13
Prefazione: Maria Rosa Zattarin Canali
Introduzione: Francesco Lechi
Contributi: Associazione
Formato: 150x240x8 mm - pp 96 - illustrato b/n - copertina s
Edizione: 2007
ISBN: 978-88-8486-292-1
Product ID: 2276

Descrizione

«Recte facti fecisse merces est», in questo motto senecano, fatto scrivere dal senatore Ugo Da Como su una parete della sua Casa-museo, interpretandone liberamente il significato come “La ricompensa di una buona azione sta nell’azione stessa”, possiamo trovare la sintesi del senso dell’impegno volontario, in ogni campo, anche nel nostro.
Noi Amici della Fondazione Ugo Da Como siamo coinvolti nell’Istituzione lonatese con grande passione perché sentiamo il piacere di essere volgarizzatori di un così grande patrimonio culturale, proviamo profonda tensione nell’agire per il sapere e la conoscenza, nel dare in questo modo un contributo a quella operazione di sostegno inalienabile alla nostra società che è propria della azione volontaria.
La nostra passione è altresì evidente dal fatto che miriamo costantemente ad estendere le nostre proposte di coinvolgimento, per cui dalla attività prevalente di guide al “Museo Casa del Podestà” e alla Rocca visconteo-veneta, che è in continua espansione, ora proponiamo iniziative didattiche sempre più diversificate, che proprio dal patrimonio della Fondazione traggono spunto.
Variano tuttavia anche le tematiche indagate dalle serate culturali rivolte gratuitamente alla popolazione e a tutti gli interessati, come pure i contenuti di questi nostri Quaderni annuali con i quali cerchiamo di segnalare ed approfondire aspetti nuovi legati a quanto la casa-museo-biblioteca custodisce e al senso che Ugo Da Como volle dare a questa sua straordinaria creazione di cui, con la Fondazione, ci sentiamo un po’ custodi.
Quest’anno ci siamo fatti anche formatori di operatori culturali in collaborazione con la Associazione LACUS, sperando di “trattenere” come volontario qualche operatore, affascinato dal nostro Museo e coinvolto nella atmosfera di entusiasmo e di collaborazione fra i membri della nostra Associazione.
Ultimamente abbiamo condotto una “campagna di proselitismo” per allargare il gruppo di guide volontarie ed è stato un successo oltre ogni aspettativa poiché anche molti giovani, e questa è stata la stupenda sorpresa, hanno risposto all’appello, con uno slancio che ha fatto crescere anche il nostro, e un senso dell’impegno che sfata tanto pessimismo sulle nuove generazioni.
E i “Quaderni” in alcuni casi sono stati il tramite del nostro primo contatto.
Della vitalità dei membri della nostra Associazione è testimonianza il presente “Quaderno” che propone alcuni testi tratti dalle serate culturali da noi organizzate, delle quali sono stati animatori e relatori proprio alcuni nostri iscritti: di questo siamo fieri, così come siamo orgogliosi di poter pubblicare ogni anno una edizione speciale che permette di farci conoscere attraverso contributi di livello, di cui abbiamo avuto consensi ed apprezzamenti.
Per il presente numero 13, anche se nulla sembra cambiato, in effetti siamo ricorsi ad una nuova casa editrice, più consona alle nostre possibilità finanziarie, ma non a scapito del livello editoriale e, per permettere una maggior visibilità della nostra pubblicazione, abbiamo pensato di presentare il nuovo “Quaderno” negli ambienti che furono la casa-atelier di GioBatta Ferrari in Piazza della Loggia a Brescia.
L’anno che si sta per concludere ha segnato molti cambiamenti: è cambiato il Consiglio direttivo della Associazione Amici della Fondazione Ugo Da Como e sarà adeguato lo Statuto che necessita di alcuni aggiornamenti: la proposta attende ora il vaglio dei nostri Soci che prenderanno parte all’Assemblea d’inizio 2008.
Anche la nostra sede è cambiata: si è trasferita nella Sala Ondei, al primo piano della Casa dell’Ospite, in uno spazio ampio e con una vista affascinante su Lonato dove lavoreremo ancora più volentieri ai nostri progetti.
(Maria Rosa Zattarin Canali, Presidente dell’Associazione Amici della Fondazione Ugo Da Como)