Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Free Call +39 030 7090600
Daniel Vogelmann
A cura di: Francesca Nodari

Piccola testimonianza di un cosiddetto figlio della Shoah

Fare memoria/Filosofi lungo l’Oglio – 8

INSTANT BOOK

5.00

Categoria:
Collana: Fare memoria/Filosofi lungo l'Oglio - 8
Formato: 110x155x4 mm - pp. 56 - copertina semirigida
Edizione: 2014
ISBN: 978-88-8486-603-5
Product ID: 2910

Descrizione

La prima impressione che si ha nell’accostarsi alla lettura del pregevole testo di Daniel Vogelmann qui presentato è il profondo senso di rispetto e di un inevitabile syn-patheîn allorché ci si trova dinanzi a qualcosa di molto prezioso. Qualcosa di cui essere grati perché offrire una testimonianza, parlare e scrivere del proprio vissuto – in questo caso del vissuto di un figlio della Shoah – espone, sin da subito, al dolore a fior di pelle di chi si è trovato e, a volte, ancora si trova – proprio perché il passato non passa mai del tutto – a dover fare i conti con il mostro che ha tenuto in scacco la sua esistenza e che, ogni tanto, a «ora incerta» torna a inquietarlo. Quel cattivo compagno di cui narra Adorno nel celeberrimo aforisma 123 è quel «finta di niente» dal quale l’Autore cerca con tutte le sue forze di fare esodo.