Benvenuto sul sito della Compagnia della Stampa
Free Call +39 030 7090600
AA.VV.
A cura di: Francesca Nodari

Corpo

Filosofi lungo l’Oglio • 3

14.00

Categoria:
Collana: Filosofi lungo l'Oglio - 3
Introduzione: Francesca Nodari
Formato: 120x190x20 mm - pp. 280 - Illustrato colori - copertina con alette plastificazione opaca
Edizione: 2010
ISBN: 978-88-8486-447-5
Product ID: 2585

Descrizione

Filosofi che hanno partecipato alla quinta edizione del “Festival Filosofi lungo l’Oglio” nell’estate 2010:

Bernhard Casper – Jean-Luc Nancy – Giuseppe Laras – Maria Rita Parsi – Adriano Fabris – Salvatore Natoli – Amos Luzzatto – Massimo Donà – Paolo Becchi ///

Corpo mortale/corpo immortale, corpo carne/corpo proprio, corpo sano/corpo malato, corpo gettato/corpo salvato, corpo umano/corpo macchina, corpo morto o quasi e corpo nella sua differenziazione di genere. Sono questi, soltanto, alcuni dei binomi sui quali si gioca la nostra comprensione su ciò che abitiamo e che costituisce, se così si può dire, la localizzazione della nostra soggettività.
Di quale corpo si tratta, allora? Siamo ancora figli del dualismo cartesiano res cogitans/res extensa, o forse occorre intendersi meglio sulle parole enigmatiche di Zarathustra: « Io sono tutto corpo e nulla fuori di questo»?
L’impressione che subito sorge nell’accostare i testi che raccolgono in questo volume le lezioni magistrali svoltesi nell’ambito della quinta edizione del Festival Filosofi lungo l’Oglio è il darsi, in tempo reale, di una mappatura sul corpo. Come dire: dalla fenomenologia del corpo indagato secondo prospettive diverse alla fenomenologia di modelli e movimenti interpretativi propri di ciascun autore. Di qui il duplice venire alla luce, da un lato, delle categorie attraverso le quali si declina il tema in esame, dall’altro di strutture di pensiero che, a seconda della peculiare andatura che le connota, pervengono alla cosa stessa con esiti distinti e plurali.
Provocazioni, piste d’indagine, spunti di riflessione paiono moltiplicarsi, quasi si potesse toccare con mano l’ancestrale sapienza del nostro corpo.